Vai al contenuto principale

ISSN 2385-2275 No. 21 - December 2015

Esiste un’alternativa all’attuale modello dei costi standard nel settore pubblico? Alcune riflessioni in ottica aziendalistica

Luca ELISEI
University of Perugia, Department of Economics, Perugia, Italy

Fabio SANTINI
University of Perugia, Department of Economics, Perugia, Italy

 Abstract:

La legge delega 42 del 2009 ha introdotto nell’ordinamento italiano i costi ed i fabbisogni
standard inquadrandoli come strumenti utili ad incentivare l’efficienza amministrativa degli
Enti locali e l’equità tra territori connotato da capacità fiscali diverse. Tali strumenti, che
avrebbero dovuto indirizzare la ripartizione del fondo di perequazione non sono mai del tutto
decollati ed il vecchio criterio della spesa storica continua ad essere preponderante. Il presente
lavoro muove numerose critiche al modello di perequazione tracciato dalla legge delega offrendo
riflessioni sull’opportunità di utilizzare un approccio diverso, maggiormente orientato a cogliere
il processo di aziendalizzazione della pubblica amministrazione ed a rispettare le specificità
territoriali che connotano il nostro Paese.

 

JEL Classification: H770; M100

Keywords: costi standard, fabbisogni standard, federalismo fiscale, modello econometrico

---------------------------------------------

Download Full Text pdf

Vai a inizio pagina
Sommario