Vai al contenuto principale

Informazioni sul corso - Regolamento 2019

Corso di laurea in Economia del turismo

Presentazione

Obiettivi formativi specifici
I laureati del Corso di Laurea in Economia del Turismo avranno una preparazione a elevata caratterizzazione aziendalistica, con l'obiettivo di svolgere la loro attività professionale nell'ambito delle imprese turistiche e delle attività culturali e territoriali, nelle pubbliche amministrazioni - dove potranno essere inseriti nell'ambito delle funzioni manageriali o imprenditoriali - e nelle libere professioni dell'area economica del settore del turismo.
Il profilo culturale è individuato nella formazione di quadri aziendali destinati all'organizzazione e gestione dei servizi turistici, sia nel contesto delle attività delle aziende agenziali, in quello delle attività delle imprese ricettive e ristorative e in quello delle attività culturali e territoriali. Tali obiettivi formativi vengono conseguiti attraverso l'opportuna integrazione dei principali insegnamenti di base, caratterizzanti e affini delle aree aziendale, economica, giuridica e statistico matematica.
Al fine di meglio differenziale l'offerta formativa e di rispondere in modo più efficace alle esigenze dei discenti, il corso di laurea è stato articolato in due curricula, denominati:
1- Impresa turistica
2- Eventi, cultura e territorio
I due Curricula sono costituiti da un insieme comune, nei primi due anni, di insegnamenti appartenenti agli ambiti disciplinari economico, aziendale, giuridico e statistico-matematico, per cui:
- comprendono in ogni caso la necessaria acquisizione di conoscenze fondamentali nei vari campi dell'economia e della gestione delle aziende, nonché i metodi e le tecniche della matematica finanziaria e attuariale, della matematica per le applicazioni economiche e della statistica;
- comprendono in ogni caso l'acquisizione di conoscenze giuridiche di base e specialistiche negli ambiti della gestione delle aziende private e pubbliche, di conoscenze specialistiche in tutti gli ambiti della gestione aziendale degli enti privati e pubblici;
- possono prevedere la conoscenza in forma scritta ed orale di almeno due lingue dell'Unione Europea, oltre l'italiano;
- prevedono, in relazione ad obiettivi specifici di formazione professionale ed agli sbocchi occupazionali, l'obbligo di attività esterne con tirocini formativi presso aziende e organizzazioni pubbliche e private nazionali ed internazionali.
La differenziazione curriculare si avrà al terzo anno. La maggiore articolazione dei contenuti formativi è volta a far acquisire al discente conoscenze e competenze idonee ad affrontare le problematiche gestionali e organizzative relative, da una parte (Impresa turistica), al management delle imprese turistiche e, dall'altra arte (Eventi, cultura e territorio), alle attività culturali e territoriali.
La formazione si basa su lezioni frontali, laboratori su specifici aspetti professionali, presentazioni e discussione di casi di studio e testimonianze da parte di imprenditori, dirigenti (sia del settore privato che pubblico) e professionisti.
Nel processo di formazione è previsto il tirocinio formativo obbligatorio presso aziende e organismi privati o pubblici, nazionali o internazionali del medesimo settore.
Descrizione del percorso formativo
Il corso di studio in breve
Il Corso di Laurea in Economia del Turismo appartiene alla classe delle Lauree universitarie in Scienze dell'economia e della gestione aziendale. Esso mira, in generale, a fornire agli studenti competenze culturali, metodologiche e tecnico-professionali in relazione all'analisi e alla interpretazione critica delle strutture e delle dinamiche d'azienda, mediante l'acquisizione di una adeguata conoscenza delle discipline aziendali, economiche, giuridiche, matematiche e statistiche e, in particolare, a fornire competenze adeguate nel management delle imprese turistiche e nella gestione degli eventi culturali e del territorio.
Pertanto, i laureati del Corso di Laurea in Economia del Turismo devono:
- possedere conoscenze di metodiche di analisi e di interpretazione critica delle strutture e delle dinamiche di azienda, mediante l'acquisizione delle necessarie competenze in più aree disciplinari: economiche, aziendali, giuridiche e quantitative;
- sviluppare le capacità di base necessarie per interpretare i principali fenomeni economici, le più rilevanti problematiche aziendali e gli strumenti maggiormente utilizzati a applicati nei processi gestionali;
- possedere competenze adeguate nel management delle imprese turistiche e delle attività culturali e territoriali;
- possedere un'adeguata conoscenza delle discipline aziendali, che rappresentano il nucleo fondamentale, declinate sia per aree funzionali, sia per le classi di imprese turistiche;
- possedere strumenti di analisi e di sviluppo di progetti sul campo in stretta collaborazione con imprese, al fine di promuovere un confronto tra università e imprese su problematiche di interesse reciproco.
La formazione si basa su lezioni frontali, laboratori su specifici aspetti professionali, presentazioni e discussione di casi di studio e testimonianze da parte di imprenditori, dirigenti (sia del settore privato che pubblico) e professionisti.
Nel processo di formazione è previsto il tirocinio formativo obbligatorio presso aziende e organismi privati o pubblici, nazionali o internazionali del medesimo settore.
I laureati del Corso di Laurea in Economia del Turismo avranno quindi una preparazione a elevata caratterizzazione aziendalistica, con l'obiettivo di svolgere la loro attività professionale nell'ambito delle imprese turistiche e delle attività culturali e territoriali, nelle pubbliche amministrazioni - dove potranno essere inseriti nell'ambito delle funzioni manageriali o imprenditoriali - e nelle libere professioni dell'area economica del settore del turismo.
Il profilo culturale è individuato nella formazione di quadri aziendali destinati all'organizzazione e gestione dei servizi turistici, sia nel contesto delle attività delle aziende agenziali, in quello delle attività delle imprese ricettive e ristorative e in quello delle attività culturali e territoriali. Tali obiettivi formativi vengono conseguiti attraverso l'opportuna integrazione dei principali insegnamenti di base, caratterizzanti e affini delle aree aziendale, economica, giuridica e statistico matematica.
Al fine di meglio differenziale l'offerta formativa e di rispondere in modo più efficace alle esigenze dei discenti, il corso di laurea è stato articolato in due curricula, denominati:
1- Impresa turistica
2- Eventi, cultura e territorio
I due Curricula sono costituiti da un insieme comune, nei primi due anni, di insegnamenti appartenenti agli ambiti disciplinari economico, aziendale, giuridico e statistico-matematico.
La differenziazione curriculare si avrà al terzo anno. La maggiore articolazione dei contenuti formativi è volta a far acquisire al discente conoscenze e competenze idonee ad affrontare le problematiche gestionali e organizzative relative, da una parte (Impresa turistica), al management delle imprese turistiche e, dall'altra arte (Eventi, cultura e territorio), alle attività culturali e territoriali.
A integrazione delle aree indicate è obbligatoria, per entrambi i curricula, l'inclusione di insegnamenti dell'area linguistica per l'acquisizione - come previsto espressamente negli obiettivi formativi qualificanti della classe di laurea di appartenenza - della conoscenza in forma scritta e orale di due lingue straniere dell'Unione Europea, di cui una individuata nella lingua Inglese.
Altre informazioni
Il Corso di Laurea è articolato in due curriculum:

- Impresa turistica

- Eventi, cultura e territorio

La scelta del curriculum sarà effettuata dallo studente all'inizio del terzo anno.

TIROCINI CURRICULARI E PROVA FINALE

Gli studenti del III anno svolgeranno uno stage presso aziende del settore turistico o altri enti nella seconda parte del secondo semestre (aprile-luglio), periodo in cui ogni altra attività didattica sarà sospesa.
L'impegno minimo per lo studente sarà di 300 ore, eventualmente estendibili, a scelta, di ulteriori 150 ore.
La prova finale consisterà nella redazione di un rapporto sullo stage, mettendo in particolare evidenza le competenze acquisite durante il soggiorno in azienda e sarà scritta sotto la direzione di un tutor universitario e di un tutor aziendale.
Il progetto si realizzerà grazie alla disponibilità di Confindustria Umbria,Federalberghi e Fiavet.
Informazioni di contatto
Mauro Pagliacci mauro.pagliacci@unipg.it (Delegato per la Didattica per la sede di Assisi)

Anna Lia Scannerini annalia.scannerini@unipg.it (Responsabile della Qualità del Corso di Laurea ET)

Francesca Picciaia francesca.picciaia@unipg.it (Responsabile Orientamento del Dipartimento di Economia)
Accesso al corso
Le conoscenze di base necessarie per l’accesso al Corso di Laurea sono di norma acquisite con un diploma di scuola media superiore italiana, ovvero con un titolo equipollente acquisito all’estero. A settembre di ogni anno avrà luogo una prova scritta per verificare la preparazione di base degli studenti che hanno intenzione di iscriversi alle Lauree triennali del Dipartimento di Economia. Tale prova è obbligatoria ma non vincolante ai fini dell’immatricolazione.
Requisiti di ammissione
L'iscrizione al corso è regolata in conformità alle norme di accesso agli studi universitari. In particolare occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo.
In ogni caso, l'ammissione richiede la verifica del possesso, all'atto dell'immatricolazione, di conoscenze e competenze adeguate per poter seguire proficuamente il corso di laurea. Il Regolamento Didattico del corso di studio disciplina le modalità di verifica delle conoscenze richieste, oltreché gli obblighi formativi aggiuntivi previsti nel caso in cui la verifica non sia positiva.
Modalità di verifica
Sono diverse le modalità di esame che vengono utilizzate per la verifica dei risultati di apprendimento:
- Esami orali consistenti in quesiti relativi ad aspetti teorici riguardanti le tematiche affrontate nelle singole discipline e volti ad accertare la loro conoscenza e comprensione da parte dello studente, nonché la capacità di esporne il contenuto.
- Esami scritti di natura teorica, aventi i medesimi contenuti e obiettivi di quelli orali ma svolti in forma scritta. L'accertamento del profitto non potrà avvenire esclusivamente con test a risposta multipla.
- Esami scritti di natura applicativa, consistenti nell'utilizzo delle conoscenze acquisite per la soluzione di casi pratici.
- Esami di laurea che nel caso di questo CdS consiste nella elaborazione, presentazione e discussione, davanti ad apposita Commissione, di un lavoro concordato con il docente relatore, attinente una disciplina della quale lo studente ha sostenuto l'esame e che appartenga al proprio percorso formativo o attinente una disciplina non inclusa nell'offerta formativa del Corso di Laurea a condizione che venga espresso parere di congruità da parte del Consiglio del Corso di Laurea.
Le modalità della verifica dell'apprendimento sono concluse con l'attribuzione di un voto finale unico relativo a tutti i crediti per ogni insegnamento seguito.
Alle prove di idoneità previste nel piano di studi non è assegnata una votazione, ma unicamente un giudizio di approvazione.Limitatamente agli insegnamenti di almeno nove CFU, il docente può disporre prove intermedie in itinere che tuttavia acquisiscono validità giuridica solo con il superamento della prova ufficiale in attesa della quale resta a discrezione del docente stabilire la durata della validità nel tempo delle valutazioni ottenute con una prova intermedia
Prove di orientamento
Orientamento in ingresso
Il Referente per la didattica del CdS in accordo con il delegato all'orientamento del Dipartimento di Economia hanno organizzato delle giornate di orientamento per le matricole e per studenti diplomati potenzialmente interessati,articolate in incontri di presentazione dell'attività didattica con i docenti delle varie aree scientifico-disciplinari, con i rappresentanti degli studenti nei vari organi e in visite guidate nelle strutture del Dipartimento.
Sono state previste anche iniziative di presentazione direttamente svolte presso alcune scuole superiori, ovviamente concertate preventivamente con gli organi direttivi di tali istituti scolastici. Al fine di garantire un'opportuna informazione è stato predisposto un opuscolo informativo dell'offerta formativa del CdS che viene distribuito durante queste sessioni di orientamento.
Per maggiori informazioni si prega di consultare il sito internet ufficiale al seguente indirizzo http://www.econ.unipg.it/

Inoltre il Corso di Studio partecipa anche alle iniziative organizzate dall'Ateneo.
Di seguito un esempio degli eventi coordinati dall'Ufficio di Orientamento dell'Ateneo:
- Partecipazione dell'Università degli Studi di Perugia con un proprio stand a numerose occasioni di incontro e orientamento in entrata presso scuole e altre strutture esterne alla regione: Open Day dell'Orientamento post diploma presso Liceo Scientifico Statale “Leonardo Da Vinci” di Sora (11 Aprile), Open day di Rieti presso Istituto Alberghiero “Costaggini” (21 Aprile), giornata di orientamento presso IIS “G. Galilei” di Jesi (21 Novembre), giornata di orientamento promossa dall'Ateneo perugino presso le scuole di Fabriano e di Sassoferrato (16 Dicembre); giornata di orientamento presso ITET Carducci-Galilei di Fermo (24 Gennaio), Giornata per l'Orientamento alla scelta universitaria presso Liceo Scientifico “C. Jucci” di Rieti (26 Gennaio), Incontra il tuo futuro presso Liceo Scientifico "E.Medi" e IT "E.F. Corinaldesi" di Senigallia (31 Gennaio), Giornata dell'Orientamento presso il liceo “Adria-Ballatore” di Mazara del Vallo (3 Marzo).
- Realizzazione brochures dell'offerta formativa – ulteriore aggiornamento dei materiali sia cartacei che su supporto, per la distribuzione brevi manu e/o per la fruizione sul web, descrittivi dei percorsi offerti dall'ateneo, con adeguamento del progetto grafico e dei formati; in particolare sono state realizzate sia le brochures dipartimentali che le brochures di area (Da Aprile a Luglio).
- Manutenzione costante della pagina Facebook UnipgOrienta (creata il 7 Giugno 2015)
- Settembreorienta – riproposizione di un appuntamento tradizionale per l'ateneo perugino, e destinato a fornire informazioni mirate a quanti si accingono ad intraprendere un percorso universitario di I livello (1-16 Settembre)
Adeguamento e riproposizione di un questionario conoscitivo attraverso il procedimento di nuova immatricolazione; è stato compilato da quasi 1800 studenti (da Luglio a Ottobre)
- Partecipazione a saloni nazionali di orientamento: OrientaLazio 2016 (Roma 5-7 Aprile), OrientaSicilia 2015 (Palermo, 18-20 Ottobre), OrientaPuglia (Foggia, 15-17 Novembre), Job&orienta (22-26 Novembre, Verona), GOing “Giornate di Orientamento e di formazione allo studio e al lavoro” (Ascoli Piceno, 16-17 Marzo) OrientaCalabria 2016 (Lamezia Terme, 21-23 Marzo)
- Ripresa dell'invio mensile di una newsletter, quale adesione al servizio offerto gratuitamente dall'Associazione ASTER che consente l'invio periodico di informazioni di rilevanza scientifica e didattica riguardanti l'Ateneo in funzione della sua promozione all'esterno (a partire dal 1 Ottobre)
- L'Ateneo incontra le future matricole – un programma di saloni territoriali in grandi comuni umbri e limitrofi con allestimento di decine di stand, presidiati da docenti universitari e dedicati all'orientamento informativo per le ultime classi delle scuole cittadine: Terni (1 Febbraio); Assisi (7 Febbraio), Sansepolcro (10 Febbraio), Castiglion del Lago (14 Febbraio), Orvieto (22 Febbraio), Foligno (24 Febbraio), Spoleto (28 Febbraio), Città di Castello (2 Marzo), Todi (7 Marzo), Gubbio (15 Marzo).
- L'Ateneo al Centro – un programma di due giorni di open day dislocati in al centro città con apertura degli stand disciplinari dalle 9 alle 19, tutti presidiati in orario continuato da docenti universitari, e affiancati da un programma molto fitto di oltre 40 lezioni tipo in tutti gli ambiti ed i percorsi post-diploma dell'offerta formativa Unipg.
- Invito ad alcuni studenti delle ultime classi delle scuole superiori a partecipare (come coristi) agli interventi musicali previsti all'interno della Cerimonia di Inaugurazione dell'AA 2016-17 (18 Marzo)
Partecipazione al Convegno Nazionale di Almalaurea “Formazione universitaria e posti di lavoro: proiezioni spaziali e temporali” tenutosi a Napoli, nel corso del quale sono state presentate le due indagini condotte dal Almalaurea: sul Profilo dei Laureati 2015 e sulla Condizione Occupazionale dei Laureati, e che ha affrontato tre approfondimenti: sulle tendenze delineatesi sui mercati del lavoro, sui flussi di mobilità territoriale dei laureati, sulla pluralità di figure di laureato, caratterizzate da specifici fabbisogni formativi e di performance occupazionali (27 Aprile)
- Contributi all'avvio di esperienze di Alternanza scuola-lavoro: a seguito della firma dell'accordo-quadro tra Ufficio Scolastico Regionale, Regione dell'Umbria, Confindustria e Università degli Studi di Perugia, è stata avviata l'attività di una cabina di regia volta a monitorare le buone pratiche e a coordinare le iniziative di offerta su territorio regionale. Ciò ha dato luogo a svariati incontri con i Dirigenti delle Scuole superiori, a Perugia l'8 Settembre, a Terni il 27 Settembre, a Umbertide il 7 Ottobre e nuovamente a Perugia l'11 Ottobre.
Contestualmente l'Ateneo ha elaborato progetti di offerta di Alternanza scuola-lavoro, in alcuni casi trasformando in tal senso esperienze preesistenti (Matematica & Realtà, Piano Lauree Scientifiche), ma nella maggior parte dei casi creando progetti ex novo; di tutti è stata curata la pubblicizzazione attraverso l'affissione al Registro Nazionale dell'alternanza; di concerto con l' Ufficio sicurezza nei luoghi di lavoro è stato creato uno strumento atto a valutare il grado di rischio di ciascuna attività proposta ed è stata contemporaneamente resa possibile, in accordo con l' Ufficio per l'innovazione didattica e laboratorio e-learning, l'erogazione a titolo gratuito della corrispondente formazione on line dell'Ateneo agli studenti medi partecipanti; è stata portata all'approvazione degli OOAA una modifica degli obblighi didattici dei PO e dei PA, volta a favorirne il coinvolgimento nelle attività dell'alternanza; è stata creata una pagina apposita di Ateneo http://www.unipg.it/orientamento/alternanza-scuola-lavoro
Per tutto il periodo di osservazione si è inoltre espletata l'attività di counseling orientativo, sia in entrata che in itinere che ha riguardato complessivamente oltre 200 colloqui, indirizzati per la grande maggioranza a future matricole.
Iniziative del Centro Linguistico di Ateneo (CLA).

Presso il Centro Linguistico d'Ateneo sono stati informati e sensibilizzati gli studenti immatricolati per l'A.A. 2016/2017 sul ruolo che le competenze linguistiche “certificate” rivestono in campo universitario, oltre che lavorativo.
E' stato predisposto materiale informativo in cui sono stati illustrati gli obblighi cui sono tenuti gli studenti con riferimento alla prova di conoscenza delle lingue straniere e sono state fornite le informazioni concernenti le diverse modalità attraverso le quali adempiere a tali obblighi: 1) convalida di certificazioni internazionali; 2) test di livello (c.d. test-out) da sostenere presso il Centro, anticipatamente rispetto all'inizio delle lezioni curriculari.
Il materiale è stato reso disponibile sia presso il Punto Immatricolazioni sia sui siti web dell'Ateneo del Centro.
A seguito di tale attività, nel corso della sessione Test-Out 2016 riservata agli immatricolati, sono stati esaminati oltre mille studenti, l'85% dei quali ha ottenuto l'attestazione del livello, mentre sono state convalidate 582 certificazioni internazionali presentate entro il 31.12.2016.
Orientamento e tutorato in itinere
L'orientamento in itinere si esprime attraverso diverse tipologie di erogazione.
In primis c'è quello svolto da tutti i docenti del CdS principalmente durante l'orario di ricevimento ed è rivolto ad aiutare a risolvere problemi di legati alla condizione di studente e al metodo di studio.
Interessa essenzialmente gli studenti iscritti agli anni successivi al primo. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale il supporto offerto allo studente nel compimento degli studi universitari.
Alcuni esempi di servizi offerti:
- assistenza agli studenti per la compilazione dei piani di studio, in particolare nell'individuazione delle attività a scelta studente;
- informazioni su corsi e seminari accreditati dal CdS;
- assistenza agli studenti per problemi di iscrizione agli appelli e verbalizzazione degli esami attraverso ESSE3.

Il tutorato di sostegno e lo studio assistito sono costituiti è da attività formative indirizzate a migliorare l'apprendimento di alcuni insegnamenti, generalmente quelli del primo anno del CdS. E' svolto dal docente responsabile dell'insegnamento e, sotto la sua responsabilità, dai collaboratori istituzionali ed eventualmente anche da collaboratori ufficiali. Ai fini del tutorato di sostegno, nel caso di insegnamenti particolarmente frequentati, il docente può chiedere, tramite il Consiglio del Corso di Studio, la collaborazione di docenti e ricercatori degli anni successivi di Corso o, comunque, meno impegnati dai rispettivi insegnamenti.

Sono previsti, inoltre, docenti di riferimento incaricati ai quali gli studenti possono rivolgersi in caso di necessità per richiedere un servizio di tutorato personale.

Il Direttore di Dipartimento ha inoltre inoltre nominato un docente responsabile per i servizi a studenti diversamente abili.

Per maggiori informazioni sulle diverse tipologia di tutorato, collegarsi al sito ufficiale del Dipartimento di Economia e del CdS.
Numero degli iscritti
Il Corso di Laurea in Economia del Turismo è un Corso di Studio di nuova attivazione: la numerosità delle iscrizioni è incoraggiante, anche se limitata territorialmente alla Regione Umbria; mentre deve considerarsi positivamente la crescita della diversificazione in termini di istituti scolastici di provenienza. Ciò ovviamente comporta una riflessione sulle possibilità di intraprendere, in un prossimo futuro, iniziative di supporto all'omogenizzazione delle competenze degli iscritti al primo anno.
Per dare maggiore visibilità al CdS, il Dipartimento ha intrapreso una serie di azioni correttive tra cui quelle di potenziare l'azione di orientamento presso le scuole medie superiori della Provincia di Perugia e di altri territori contigui, mentre l'Ateneo sta svolgendo iniziative per potenziare l'attrattività su scala nazionale.
Il commento sui dati di ingresso, di percorso e di uscita è rinviato all'A.A. 2017/2018.
Risultati in termini di occupabilità
Non è stato possibile ancora procedere all'elaborazione dei dati in quanto tale CdS è di nuova attivazione e i primi laureati sono stati proclamati a luglio 2018.
Vai a inizio pagina
Sommario