Vai al contenuto principale

 

Principi generali

  • Le risorse attribuite ai Dipartimenti dovranno essere esclusivamente utilizzate perfinanziare Progetti di Ricerca di Base presentati da parte di ricercatori singoli, o dagruppi di ricercatori.
  • I Progetti presentati dovranno essere coerenti con la seguente definizione di Ricerca di Base: “linee di ricerca le cui attività mirano all’ampliamento delle conoscenze scientifiche e tecniche non connesse a specifici ed immediati obiettivi industriali o commerciali” (D.M. 8 marzo 2001, FIRB).
  • Potranno partecipare ai progetti tutti i ricercatori (compresi i ruoli a tempo determinato) afferenti ai rispettivi Dipartimenti che risultino in servizio alla data di emanazione dei bandi.
  • Potranno assumere il ruolo di Responsabile scientifico solo coloro che abbiano ancora un periodo di servizio di durata almeno pari a quella della proposta progettuale presentata.
  • I Progetti potranno avere durata al massimo biennale, con decorrenza dalla data di assegnazione delle risorse.

Modalità e tempi di gestione

  • I Dipartimenti, entro il 20 settembre 2019, per attribuire le risorse ai propri ricercatori, dovranno emettere appositi bandi competitivi e pubblicizzarli nei rispettivi siti web, segnalando il link all’Area Progettazione, Valorizzazione e Valutazione della Ricerca. I Bandi dovranno riportare i criteri e le modalità di selezione dei Progetti, coerenti con i principi generali qui definiti. Ciascun Dipartimento, infine, dovrà concludere le procedure di ammissione a finanziamento ed assegnare le risorse ai beneficiari entro il 20 dicembre 2019.
  • Nei bandi dovrà essere fatta espressa previsione di misure di vantaggio competitivo e/o di una quota incentivante per i progetti di taglio multidisciplinare (testimoniato dalla presenza nel gruppo di ricerca di ricercatori di più Settori Scientifico Disciplinari e/o Aree CUN).
  • I progetti dovranno al massimo concludersi entro il 20 dicembre 2021.
  • Le risorse dovranno essere utilizzate dai beneficiari nell’arco del biennio successivo alla data di assegnazione, con una scadenza massima, improrogabile, per il perfezionamento delle spese (da intendersi con ordinativi di pagamento, o altro documento contabile equivalente, emessi e quietanzati) fissata al 31 dicembre 2021.
  • I Responsabili scientifici dei progetti ammessi a finanziamento dovranno presentare ai Consigli di Dipartimento, quale esito delle attività di ricerca condotte:
  • almeno un prodotto scientifico, di tipologia VQR, inviato per la pubblicazione nel periodo compreso fra i 4 mesi precedenti e gli 8 mesi successivi al termine del progetto ed accettato/pubblicato nei 18 mesi successivi alla data di sottomissione del prodotto per la pubblicazione, riportante espressamente nel frontespizio o negli acknowledgements la dicitura “Progetto …TITOLO…, finanziato con il Fondo Ricerca di Base, 2019, dell’Università degli Studi di Perugia”;
  • una relazione scientifica che attesti il raggiungimento degli obiettivi di progetto;
  • la rendicontazione economica delle spese sostenute.
  • I Dipartimenti dovranno presentare al Senato Accademico, per ciascun progetto finanziato ed entro il 15 marzo 2022:
  • una relazione attestante gli esiti delle attività nei termini sopra indicati;
  • la rendicontazione contabile (redatta secondo le modalità riportate nella circolare del Direttore Generale Prot. n. 98280 del 7 dicembre 2018), sottoscritta dal Segretario Amministrativo e controfirmata dal Direttore del Dipartimento.
  • Saranno ritenute ammissibili le seguenti voci di spesa:
  • reclutamento di personale (secondo le formule contrattuali accettate dalle norme vigenti)
  • materiali di consumo
  • attrezzature
  • missioni
  • partecipazione a convegni
  • pubblicazioni
  • I Dipartimenti potranno applicare trattenute per spese di funzionalità operativa/ambientale nelle rispettive misure stabilite dai Consigli.

Visualizza/Scarica le linee guida FRB 2019

Vai a inizio pagina
Sommario